Pagina iniziale
  Mappa
  Bibliografia

Aspettando gli angloamericani

La resistenza in Maremma fra eroi esaltati, eroi dimenticati, contraddizioni e mezze verità

Nuovi Equilibri,
Viterbo (2005)
208 pagine, 4 illustrazioni


Nel sessantesimo anniver-sario della liberazione è uscito "Aspettando gli an-gloamericani", il nuovo libro di Alfio Cavoli, in libreria nella collana "Strade bianche della scrittura" di Stampa Alternativa.
[…] L'intento dell'autore è quello di ricostruire un periodo breve e intenso del nostro recente passato, attraverso una documentazione ricca delle testimonianze di chi ha vissuto in prima persona quel momento storico così importante e tormentato.
[…] per riempire alcuni vuoti che, sicuramente in buona fede, si sono creati nella memoria ufficiale della resistenza, Alfio Cavoli ha deciso di non abbeverarsi alle solite fonti, ma di scavare più in profondità attingendo acque più fresche.
[…] Esemplare la vicenda di Sante Gaspare Arancio […].
La figura di quest'uomo, esaltata nel viterbese, dove Cavoli ha rilevato una copiosa produzione di documenti attestanti la sua non certo trascurabile presenza, non ha ottenuto a Grosseto gli stessi riconoscimenti, malgrado la sua attività sia stata a dir poco degna di nota.
L'autore di "Aspettando gli angloamericani" narra di un'altra vittima delle violenze nazi-fasciste e dell'oblio degli storici.
Si tratta del giovanissimo Achille Leoni, mancianese, caduto appena ventenne in circostanze che sono rimaste a lungo sconosciute, come la data della sua morte.
[…] Un silenzio squarciato, seppure in maniera necessariamente non esaustiva, dall'opera di Alfio Cavoli che, come sempre in tutta la sua ormai vastissima produzione, ci fornisce spunti preziosi per ragionare in maniera… documentata, sulla storia complessa e affascinante della grande, e non solo fisicamente, Maremma grossetana.

Da ""Aspettando gli angloamericani", il nuovo libro di Alfio Cavoli"
di Maria Grazia Lenni
Maremma Magazine, Anno IV Numero 1, gennaio 2006


"Mitico comandante dell'omonima formazione partigiana"
Archivio Anpi, Grosseto

Sante Gaspare Arancio con la famiglia